Crea sito

«

»

Apr 05

Sistem(iamo) le stragi

 

strage

 

 

 

-Fantastico! – Urlano bimbetti dalle lunghe gambe sottili.

Il Napoli ha segnato. Anni ’80, Jovanotti va’ alla grande e un argentino basso e talentuoso sembra assumere le fattezze viventi di un riscatto sociale.

-Fantastico! – Urlano bimbetti over 30 ma anche 40/50/60 dalle tozze e pelose gambe alla curva dell’Olimpico.

– No, fermatevi n attimo, ci so ‘disordini-;  Chi caccheruno s’è fatto male. E’ dì i nostri-. Tronfio sulle gratinate a braccia e gambe aperte si dimena Genny, emblema di una generazione. Emblema?!

Viene chiamato a negoziare lo svolgimento della partita Roma- Napoli.

Al Gemelli un ragazzo è in fin di vita; un altro, sempre in ospedale, ferito, è piantonato dalla polizia. Si sono scontrati, sparati, feriti. Cariche sì, e carichi, soprattutto, di rabbia e di veleni.

Uno solo fra i due ha sparato, ma questo – mentre il nostro Genny a’ carogna procede con le trattative pro match- ancora non si sa.

Un anno dopo. Roma, stadio Olimpico. Un mega striscione campeggia sugli spalti: CHE COSA TRISTE…LUCRI SUL FUNERALE CON LIBRI E INTERVISTE.

Il tifoso napoletano non c’è più, Genny sì, ma non è più fra i protagonisti. Si è beccato il Daspo per 5 anni.

 

<Fantastico!>.  Urleranno ancora bimbetti fra qualche anno, mese o giorno. Fantastico vincere una partita, accendere l’incenso, concentrasi, affidarsi alla Madonna e, madonnare, se l’immagine iconoclasta invocata non sta facendo quello che le è stato chiesto.

 

Avrà smadonnato il copilota suicida prima di andare a schiantarsi?  L’avrà fatto o no, nei giorni precedenti?! Probabilmente non aveva più neanche la lucidità per farlo. Probabilmente. La psiche divora, ti fagocita perfino i sentimenti. Anche quelli esasperanti.

Gesto deprecabile, infame, spregevole. Dilemma: gesto malvagio? La retorica e le sovrastrutture di cui siamo imbottiti spingono a dire sì, senza tentennamento alcuno. L’idea di una scolaresca estratta a sorte che si polverizza contro una montagna ci induce a dire sì. Le hostess, i padri, le madri, le mogli, le figlie, le nuore, sì, ci fanno dire sì, d’istinto. Tutta questa nostra farsesca società dice sì. Deve dire sì. Perché le stragi, si sa, sono fatte dalla quantità. Non dalla qualità. O meglio, la qualità di una strage è proprio in funzione e in virtù della sua quantità. Volgarmente? Di quanta piu’ gente muore. Ma qual è il discrimine tra una strage di quantità e una di qualità, se quest’ultima viene perpetrata a suon di business e di tante, piccole, innumerevoli singole storie che arrivano a farne una di proporzioni quantitativamente significative!? Il discrimine è solo il tempo, diluito, allungato, dilazionato, ma mai fermato. In questo panta rei tutto diverrà non una semplice strage, diverrà un sistema di stragi o una strage di sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>